17 Maggio 2021

A cura di Marchiò C. e Cascardi E, Università degli Studi di Torino, Anatomia Patologica dell’Istituto di Candiolo - FPO - IRCCS; Scatena C, Dipartimento di Ricerca Traslazionale e delle Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia, Università di Pisa

Nell’ambito della valutazione anatomopatologica del carcinoma della mammella abbiamo recentemente imparato come alcuni elementi cellulari che popolano lo stroma possano avere un impatto sulla predizione della risposta a terapie specifiche. In particolare, la proteina PD-L (programmed death-ligand)1 può essere espressa in circa il 40% dei carcinomi della mammella a fenotipo triplo negativo (TNBC) e tale espressione si osserva più frequentemente proprio nelle cellule immunitarie che popolano lo stroma tumorale (tumor infiltrating immune cells, TIIC), come TIL (tumor infiltrating lymphocytes), macrofagi, neutrofili e cellule dendritiche, piuttosto che nelle cellule tumorali (1).

Registrati per leggere il seguito...